Due giorni davvero difficili per l’area vesuviana, “sconvolta” dalle forti piogge che si sono abbattute soprattutto durante la giornata di ieri. Tante le situazioni di criticità che hanno caratterizzato un’area sempre più a rischio idrogeologico e che dimostra di possedere un impianto fognario vetusto e non in grado di contenere la furia dei “moderni temporali”.
Situazione difficile a Somma Vesuviana, dove il maltempo ha reso complicata la situazione di molte scuole finite per allagarsi. In strada sono saltati i tombini ed alcune vetture sono rimaste intrappolate. Non è andata meglio a Nola, dove i canali sono nuovamente fuoriusciti dagli argini. Qui, il sindaco Geremia Biancardi ha esteso l’allarme per tutto il weekend.
A Boscoreale scenario ai limiti del drammatico in contrada Pellegrini, che si è trasformata in una laguna durante la serata di ieri. Numerose le auto in panne e circolazione in tilt. Difficoltà pure a Trecase e Boscotrecase, mentre ha retto Poggiomarino dove gli unici problemi si sono registrati al confine con San Giuseppe Vesuviano e Striano, dove la vasca del Pianillo è “esplosa” invadendo via Pertini.