I carabinieri della stazione di San Giuseppe Vesuviano hanno rintracciato e sottoposto a fermo d’indiziato di delitto un marocchino 42enne domiciliato nel luogo ritenuto responsabile di violenza sessuale e di lesioni personali.
Nel corso di indagini i militari dell’arma hanno accertato che verso le 22 di ieri sera aveva avvicinato e preso a palpare una operaia ucraina 31enne mentre questa stava percorrendo via Ammendola per rincasare, ma la donna aveva cominciato a urlare e l’uomo nel tentativo di zittirla le aveva causato lievi escoriazioni, per poi darsi alla fuga.
L’uomo è stato poi identificato e portato in caserma, venendo riconosciuto dalla vittima. Nel corso delle formalità di rito ha offerto 300 euro ai carabinieri per evitare il fermo, ma è stato associato alla casa circondariale di Poggioreale con l’aggiunta dell’accusa di istigazione alla corruzione.