Ancora un brusco stop per l’ospedale Santa Maria della Pietà. La ditta di Saviano che sta provvedendo a rammodernare quattro delle sale operatorie del nosocomio ha deciso per la rescissione del contratto: il motivo è la carenza di fondi da parte del committente.
La stessa impresa, infatti, vanta diversi credito con la struttura ospedaliera e quelli ricevuti sono arrivati in ritardo rispetto agli accordi. Dunque, al momento non è possibile continuare con le opere, e l’ospedale di Nola rischia una nuova empasse.
Appena due mesi fa si era provveduto ad aprire e ad inaugurare il nuovo pronto soccorso, ma adesso l’emergenza è legata alle sale operatorie di cui quattro sono fuori uso: una brutta notizia per un presidio che serve un’utenza di 600mila persone.