Tombini sigillati per evitare eventuali attacchi terroristici o di qualsiasi altro tipo: succede a Pompei, dove domattina è atteso Papa Francesco. Il provvedimento è stato attuato per la possibilità che il Pontefice possa decidere di scendere dalla papamobile e dunque calpestare le coperture delle fogne.

Ingente lo spiegamento di uomini e mezzi delle forze dell’ordine che già da queste ore stanno vigilando sulla città mariana: il terrore dell’Isis, insomma, fa prendere più precauzioni del solito per la visita a Pompei di Francesco. In giornata saranno inoltre sigillati anche i contenitori dei rifiuti.