S’infiamma la campagna elettorale a Poggiomarino: nei giorni scorsi, infatti, è cominciato il “pesante” botta e risposta tra il centrodestra ed il centrosinistra, tra la coppia di nuova formazione “Falanga-Vastola” ed il sindaco in carica, Leo Annunziata. Ad aprire le danze è stato il più “ruspantino”, l’ex primo cittadino, Vincenzo Vastola, che sabato ha ufficializzato il suo sostegno a Maurizio Falanga, rinunciando dunque alla corsa verso Palazzo De Marinis.

E l’occasione è stata ghiotta per “sparare” contro l’Amministrazione. Vastola, infatti, ha parlato di «sindaco abusivo», di «Amministrazione di asfaltisti dell’ultima ora», e di «bilanci a rischio». Tutto con un tono molto duro, quindi in pieno stile campagna elettorale. Ed anche il candidato sindaco del vasto schieramento di centrodestra, pur con il suo consueto stile soft non ha risparmiato accuse. L’avvocato, infatti, ha parlato invece di «sindaco inadeguato», affermando che «l’Amministrazione sta utilizzando l’attuale potere anche per fare campagna elettorale». Insomma, un chiaro riferimento ai lavori in corso tra le strade che secondo le opposizioni potevano essere eseguiti prima.

La replica di Annunziata non si è però fatta attendere, ed è rivolta maggiormente verso Vastola che pure non è il suo rivale diretto nella corsa alla fascia tricolore: «Le unioni posticce segnalano una forte debolezza da parte dei contraenti – afferma Annunziata – Noto una giustificata paura e un evidente nervosismo da parte del centrodestra. Oltre la critica strumentale non sanno spingersi. Capisco che è tempo di campagna elettorale ma una quantità massiccia di parsimonia non farebbe male. Comunque, non nascondo la mia felicità per questo connubio Falanga-Vastola. Certo, il già sindaco Vastola avrebbe potuto risparmiarsi interviste in cui annunciava al mondo intero la sua candidatura a sindaco. Ma, le ragioni di questa repentina ritirata le conosce solo lui».