Il Gran Bar Riviera ha abbassato definitivamente le saracinesche. Per lo storico locale della Riviera di Chiaia è istituita una procedura di fallimento. Contemporaneamente, finiscono per strada tutti e dodici i dipendenti che vi lavoravano. Il bar è storico, quasi un monumento cittadino, ma negli anni ha attraversato non poche difficoltà, con gestioni diverse e vicende alterne. Fino ad accumulare circa un milione di debiti culminati poi nella procedura di fallimento. «Adesso pensiamo alla tutela dei lavoratori – spiega il curatore fallimentare Matteo de Lise – nella procedura avviata stiamo provvedendo ad aprire una manifestazione di interesse».
Il colpo di grazia
E non ci sono dubbi nel guardare quel cartello messo sulle vetrine che affacciano sulla Riviera: “Tribunale di Napoli VII Sezione Fallimentare. Avviso esplorativo per richiesta manifestazione di interesse all’acquisto del bar e del laboratorio di pasticceria”. Le saracinesche erano abbassate con l’ingresso della Campania in zona rossa. Il Covid per tantissimi bar e ristoranti è stato la mannaia calata sul capo dell’imprenditoria. Ma per il Bar Riviera alla pandemia c’è da aggiungere anche una serie di debiti che, con il passare del tempo e l’impossibilità di avviare un discorso produttivo a lungo termine, sono diventati impossibili da gestire.