Tanta gente ha partecipato oggi alla messa a Caivano, nella parrocchia guidata da don Maurizio Patriciello. Ieri notte, infatti, ignoti hanno fatto esplodere un ordigno davanti all’ingresso di un cancello della chiesa. Un atto condannato senza mezzi termini dai tanti che hanno espresso solidarieta’ e vicinanza al sacerdote protagonista di una serie di battaglie per la legalita’. Da don Maurizio la netta condanna della camorra e la rassicurazione che comunque andra’ avanti nel suo impegno quotidiano per il riscatto del territorio. Con lui, tra gli altri, i rappresentanti del comitato per la liberazione dalla camorra dell’area nord con il senatore Sandro Ruotolo. Forte e commossa la partecipazione dei fedeli intervenuti per esprimere vicinanza al sacerdote.

“Anche da Roma, dove stiamo partecipando alla seconda giornata della Conferenza Programmatica di Europa Verde ‘Italia senza veleni – No alla guerra’, abbiamo voluto tributare la nostra solidarieta’ a don Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde di Caivano, vittima di un attentato dinamitardo con l’esplosione di un ordigno all’esterno della sua chiesa. I militanti di Europa Verde della Campania hanno esposto cartelli e striscioni per sostenere chi, come don Patriciello e il comandante della Polizia Locale di Arzano Biagio Chiariello, non piega la testa di fronte alla violenza della camorra”. Lo dicono il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli e il co-portavoce regionale Fiorella Zabatta.