I carabinieri della stazione di Poggioreale hanno denunciato per ricettazione una 51enne e suo figlio di 32 anni: entrambi di Ponticelli e già noti alle forze dell’ordine, avevano allestito nel loro appartamento in Strada Comunale Maranda un vero e proprio atelier. In vendita a prezzi stracciati capi d’abbigliamento la cui origine non è mai finita documentata. Nella boutique improvvisata ben 758 capi di marche varie, una macchinetta antitaccheggio e addirittura un piccolo camerino con divanetto e pannello in legno per garantire la privacy ai clienti. Lo stock di merce è sotto sequestro e sarà sottoposto ad accertamenti sull’origine.

Non è il primo caso simile che emerge dalle periferie di Napoli, dove spesso famiglie si improvvisano in vendita di abiti griffati che magari provengono da situazioni poco trasparenti. In questo caso sono intervenuti i carabinieri che stanno cercando di accertare la provenienza della merce.