In arrivo un nuovo concorso INPS per assunzioni di personale a tempo indeterminato da impiegare nella gestione dell’assegno unico per i figli. Il bando uscirà entro il 2022. A prevederlo è il decreto attuativo della misura, che autorizza l’Istituto a reclutare 385 risorse per gestire le pratiche relative all’agevolazione.
CONCORSO INPS 2022
Il decreto che istituisce l’assegno unico e universale per i figli, il nuovo aiuto economico messo a disposizione delle famiglie dal Governo, autorizza infatti nuove assunzioni INPS per la gestione della misura. In particolare, il provvedimento legislativo prevede un incremento della dotazione organica dell’Istituto, per dare piena attuazione alle disposizioni relative all’agevolazione. In tutto sono 385 i posti di lavoro INPS da coprire per le necessità legate all’assegno unico per i figli.

Nello specifico, il decreto autorizza l’assunzione a tempo indeterminato di personale di Area C, con profilo economico C1. La selezione del nuovo personale sarà effettuata tramite un nuovo bando INPS. Il personale selezionato si occuperà di gestire le pratiche relative al contributo che, lo ricordiamo, consiste in un aiuto economico fino a 175 euro al mese per ciascun figlio fino a 21 anni di età.

Per conoscere nel dettaglio i profili specifici richiesti, occorre attendere la pubblicazione del bando di concorso. Nel frattempo, vediamo chi può partecipare alla procedura concorsuale e come funziona.

CHI PUÒ PARTECIPARE AL CONCORSO INPS
Le assunzioni INPS per l’assegno unico per i figli prevedono l’inquadramento dei nuovi assunti nell’area C, posizione economica C1, del personale dell’Istituto. Solitamente per queste figure si richiedono i seguenti requisiti generici:

laurea;

cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o appartenenza a una delle tipologie previste dall’art.38 del d.lgs. 30 marzo 2001, n.165 e s.m.i.;

non essere stato destituito, dispensato o licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione e non essere stato dichiarato decaduto da altro impiego pubblico, né essere stato interdetto dai pubblici uffici ai sensi della vigente normativa in materia;

non aver riportato condanne penali, ancorché non passate in giudicato, che impediscano la costituzione o la prosecuzione del rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione;

posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari laddove previsti per legge;

godimento dei diritti politici e civili;

idoneità fisica all’impiego.

COME FUNZIONA
Con ogni probabilità il nuovo concorso INPS per le assunzioni previste dal decreto sull’assegno unico sarà articolato in maniera simile agli ultimi concorsi INPS banditi per profili di area C, dunque si tratterà di un bando per titoli ed esami. Le prove d’esame potranno essere articolate, quindi, in due prove scritte, che consisteranno in quesiti a risposta multipla, e una prova orale. La procedura concorsuale seguirà le novità per i concorsi previste dalla riforma dei concorsi pubblici.

QUANDO ESCE IL CONCORSO INPS 2022
Il decreto attuativo dell’assegno unico (decreto legislativo 21 dicembre 2021, n. 230) autorizza la spesa di 20 milioni di euro annui a partire dal 2022 per procedere al reclutamento e all’inserimento delle figure da assumere. Dunque l’uscita del bando è attesa nei prossimi mesi e comunque entro fine anno.
DOVE VEDERE IL BANDO
I bandi di concorso Inps vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale (serie concorsi ed esami) e sul sito internet dell’Istituto, nella sezione Avvisi, bandi e fatturazione > Concorsi > Procedure in corso.

fonte ticonsiglio.com