L’assegno unico universale a dicembre triplica e può diventare un aiuto ancora più forte per le famiglie italiane. Se ci pensiamo bene oggi l’assegno unico universale è veramente l’unico aiuto a disposizione delle famiglie italiane, questo lo rende assolutamente preziosissimo perché se fino a questo 2022 le famiglie oltre all’assegno unico avevano anche il reddito di cittadinanza se finivano in condizioni di forte difficoltà, oggi è rimasto soltanto l’assegno unico universale.

L’assegno unico universale è stato un’innovazione voluta da Mario Draghi proprio per aiutare le famiglie con i figli a carico. Oggi l’assegno unico universale è al centro di tante discussioni perché il governo meloni sta spingendo fortemente per aiutare le famiglie con i figli a carico. Ma per aiutare le famiglie con i figli a carico Giorgia Meloni ha scelto una via molto particolare.
Unico aiuto per le famiglie italiane e a dicembre triplica
Ha tagliato il reddito di cittadinanza alle famiglie più povere e che stanno soffrendo di più e ha potenziato l’assegno unico universale. L’assegno unico universale aumenta del 50% per le famiglie che hanno un figlio entro l’anno di età. Ma non basta perché poi arriva un altro 50% per le famiglie che hanno tre o più figli a carico. Ma tutti questi aiuti scattano come sappiamo da gennaio. Allora diventa fondamentale capire che cosa succede all’assegno unico universale proprio nel mese di dicembre.

La misura dell’assegno unico universale è scesa in campo proprio il primo marzo 2022 ma la terribile situazione energetica ha spinto il governo Meloni a potenziarlo. Addirittura 1,5 miliardi di euro andranno proprio in aiuti alle famiglie come ha stabilito il premier meloni in conferenza stampa dopo aver illustrato la manovra finanziaria 2023.

Questo aiuto triplica a dicembre e arrivano anche tripli arretrati
Ma al di là delle novità previste per il 2023 l’assegno unico subisce delle novità importanti. L’erogazione dell’assegno unico arriva teoricamente fino a 18 anni, ma se ci sono dei figli disabili l’assegno unico viene erogato senza limiti di età e questo è un aiuto fortissimo.

Ma il limite dei 18 anni scatta a 21 anni se il figlio che abbia ormai superato i 18 anni abbia redditi inferiori agli €8000 e sia iscritto all’università oppure anche sia iscritto a corsi di formazione professionale o almeno sia iscritto ai centri per l’impiego. Viene erogato fino a 21 anni di età anche se il figlio sta seguendo il servizio civile. L’INPS per il mese di dicembre tra l’altro anche comunicato tre nuovi pagamenti.
Tre pagamenti dicembre
Il primo pagamento è per il 9 dicembre 2022. Infatti il 9 dicembre 2022 arrivano gli arretrati di marzo settembre e ottobre. Ma queste date si riferiscono a tutte quelle famiglie che non percepiscono il reddito di cittadinanza. Invece per tutte le famiglie che percepiscono il reddito di cittadinanza gli arretrati arriveranno il giorno 15 dicembre.

Quindi il 9 dicembre è la data degli arretrati di chi non percepisce il reddito grillino mentre il 15 dicembre è la data di chi ne beneficia. Ma per verificare le date e gli importi dell’erogazione normale e anche delle erogazioni degli arretrati bisogna andare sul portale dell’INPS proprio alla pagina relativa all’assegno unico universale per i figli a carico e autenticarsi con lo spid. Poi si dovrà cliccare sul tab pagamenti.